Sardegna | Mediterraneum.eu | Logo
Registrati
Vuoi diventare guida della Sardegna? Carica una foto o scrivi la tua opinione!
EFFETTUA IL LOGIN
x
COME FUNZIONA?
Registrati ed effettua il login
Potrai aggiungere le tue foto a questa pagina con un link diretto al tuo account Instagram (ovviamente solo se sei d'accordo)
Puoi anche lasciare la tua opinione e aggiungere contenuti per i prossimi visitatori!
Hai altre domande? Scrivi a info@mediterraneum.eu
x
REGISTRAZIONE UTENTI
Email :
Nickname :
Password:
Conferma password:
x
CARICA UNA FOTO PER:
Monte d'Accoddi
Scegli la foto

Titolo
Vuoi mostrare il tuo nickname?
Vuoi mostrare un link al tuo account instagram?
Nota: se vuoi modificare il tuo nickname e account instagram vai sul tuo Account
x
RECUPERO PASSWORD UTENTE
Inserisci l'email con cui sei registrato/a.


GENERAZIONE PASSWORD UTENTE
x
PUBBLICA LA TUA OPINIONE O MODIFICA I DATI PRESENTI
Se conosci questo posto, lasciaci la tua opinione o aiutaci a completare i dati presenti.
Nota: È una funzionalità in sviluppo, a breve arriverà la versione completa.
Testo
Vuoi mostrare il tuo nickname?
Vuoi mostrare un link al tuo account instagram?
Nota: se vuoi modificare il tuo nickname e account instagram vai sul tuo Account
Hai altre domande? Scrivi a info@mediterraneum.eu

Monte d'Accoddi

Indirizzo: Ex SS 121 KM 222, 07100 Ottava, Sassari SS, Italia
Lat 40.7907117 Lng 8.4489191
Telefono:
Sito Web: http://musei.beniculturali.it/musei?mid=5777&nome=altare-prenuragico-di-monte-daccoddi

Apri in Google Map
La Ziqqurrat Sarda, Monte d'Accoddi.

Monte d'Accoddi, a volte scritto Akkoddi, è un importante sito archeologico, attribuito alla Cultura di Abealzu-Filigosa (2700-2400 a.C.), della Sardegna prenuragica.

Scoperto nel corso delle grandi campagne di scavo del secondo dopoguerra, per l’originalità della sua tipologia  è l’unico esempio di grande altare megalitico conosciuto in tutto il Mediterraneo occidentale e per la tecnica costruttiva che precorre l’architettura della successiva età nuragica, ha aperto un nuovo interessantissimo capitolo sulla storia e sulla cultura della Sardegna preistorica. 

La grandiosa costruzione, che si fa risalire all’età del Rame (2450-1850 c. a.C.), è costituita da un enorme cumulo di pietre e terra, di forma originariamente troncopiramidale a base trapezoidale analogamente alle
 «ziqqurat» mesopotamiche, sorretta da murature a secco di grandi blocchi non squadrati.

Sul lato sud una rampa sale alla sommità, a una decina di metri d’altezza, mentre la base misura 30 m per 38. Attorno alla mole dell’altare si trovano numerose fondamenta di capanne, delle tavole sacrificali e alcuni menhir abbattuti. 
Un gruppo di domus de janas (non facili da raggiungere) faceva parte del complesso. 

I materiali scavati nella zona - soprattutto ceramiche sono conservati nel Museo Nazionale di Sassari



Dove alloggiare