Sardegna | Mediterraneum.eu | Logo
Registrati
Vuoi diventare guida della Sardegna? Carica una foto o scrivi la tua opinione!
EFFETTUA IL LOGIN
x
COME FUNZIONA?
Registrati ed effettua il login
Potrai aggiungere le tue foto a questa pagina con un link diretto al tuo account Instagram (ovviamente solo se sei d'accordo)
Puoi anche lasciare la tua opinione e aggiungere contenuti per i prossimi visitatori!
Hai altre domande? Scrivi a info@mediterraneum.eu
x
REGISTRAZIONE UTENTI
Email :
Nickname :
Password:
Conferma password:
x
CARICA UNA FOTO PER:
Nuraghe Losa
Scegli la foto

Titolo
Vuoi mostrare il tuo nickname?
Vuoi mostrare un link al tuo account instagram?
Nota: se vuoi modificare il tuo nickname e account instagram vai sul tuo Account
x
RECUPERO PASSWORD UTENTE
Inserisci l'email con cui sei registrato/a.


GENERAZIONE PASSWORD UTENTE
x
PUBBLICA LA TUA OPINIONE O MODIFICA I DATI PRESENTI
Se conosci questo posto, lasciaci la tua opinione o aiutaci a completare i dati presenti.
Nota: È una funzionalità in sviluppo, a breve arriverà la versione completa.
Testo
Vuoi mostrare il tuo nickname?
Vuoi mostrare un link al tuo account instagram?
Nota: se vuoi modificare il tuo nickname e account instagram vai sul tuo Account
Hai altre domande? Scrivi a info@mediterraneum.eu

Nuraghe Losa

Indirizzo: Strada Statale 131 Carlo Felice, 09071 Abbasanta OR, Italia
Lat 40.1162602 Lng 8.792793
Telefono: +39 0785 52302
Sito Web: https://www.nuraghelosa.net/

Apri in Google Map
Il nuraghe Losa, ad Abbasanta, si trova su un altopiano a circa 5 km dal cento abitato.
Costruito interamente in roccia basaltica, il nuraghe  è molto ben conservato, con una struttura ancora solida.

È una delle espressioni più notevoli e caratterizzanti dell’architettura nuragica, che si distingue per il suo disegno organico, la compattezza dei volumi e la raffinatezza delle tecniche murarie.

È costituito da un mastio centrale e da un bastione trilobato a sua volta circondato da un antemurale.
Tutto il complesso nuragico, compreso il villaggio, è circondato da una cinta muraria  ellissoidale di 172 x 268 m. 

Il mastio risale al XV-XIII secolo a.C., mentre il bastione, l'antemurale e la cinta muraria risalgono al XIII-fine XII.

Fu utilizzato anche per scopi funerari in epoca romana come attestano i reperti del VII-VIII secolo.

A poca distanza dal sito si trova una tomba di Giganti costruita con blocchi perfettamente lavorati, in gran parte smantellata durante i millenni.

Dove alloggiare